Al ritorno dall’ allenamento però la colazione è d’obbligo. Meglio puntare la sveglia mezz’ora prima, calcolando il tempo necessario per un rifornimento completo, piuttosto che bere un caffè al volo e scappare in ufficio. «Al mattino ci sono le migliori condizioni per concedersi un buon pasto, perché lo stomaco è ricco di succhi gastrici che facilitano la digestione di qualsiasi cibo. Mai limitarsi ai carboidrati, dunque. L’ideale è mettere in tavola anche alimenti come prosciutto, bresaola oppure uova, che garantiscono un adeguato apporto di proteine. E sostengono l’organismo per tutta la mattina». Una regola che vale sempre, anche quando non fai allenamento.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Strategia di allenamento  Se per molti è un modo per non rinunciare alla passione per la bicicletta o per la  corsa, per i “runner” d’élite correre a digiuno è molto di più: una strategia d’allenamento. «In genere i maratoneti, lo fanno con l’obiettivo di arrivare a un esaurimento quasi completo delle riserve di zuccheri». Questa scelta stimola  reazioni fisiologiche. Messo in difficoltà dal punto di vista energetico, l’organismo impara a miscelare meglio i substrati durante lo sforzo, diminuendo la quantità di zuccheri e aumentando quella di grassi. Interessante, non trovi? Imitare i campioni però non è da tutti.

post42

Pages: 1 2 3
Posted in: FITNESS.
Last Modified: Agosto 30, 2015